Categoria: Uncategorized

marzo 15, 2017

In natura tutto ha un ritmo, tutto si muove e poi si riposa. Anche il nostro corpo funziona in questo modo: il cervello lavora per sei secondi e uno di sosta, il cuore si contrae e si rilassa, gli occhi si aprono e si chiudono, i polmoni si espandono e si contraggono. Fermarsi è essenziale per recuperare energie e potenzialità e per riparare. La malattia stessa, qualsiasi sia la sua forma, invita (a volte obbliga) a fermarsi, e perché aspettare di ammalarsi? Le ultime ricerche che abbiamo fatto confermano quanto sia importante in un salutare equilibrio dedicare un tempo specifico al riposo, che non è mai tempo perso, anzi è guadagnato! Il tempo del riposo va programmato e calendarizzato (ogni giorno, ogni settimana, ogni mese, ogni anno). Deve essere proporzionato alle fatiche fatte e dedicato a quella dimensione del corpo che più necessita. Se il nostro sistema digestivo è in sofferenza dovremmo indirizzare il nostro tempo dedicato al riposo magari ad un digiuno o ad una giornata di disintossicazione; se i nostri muscoli sono sempre tesi dovremmo rilassarci e fare un massaggio; se è il cuore ad essere debole dovremmo stare con chi amiamo e prenderci del tempo per noi stessi; se è la mente ad essere stanca dovremmo dormire di più e ascoltare buona musica. Guardate la vostra agenda, oltre al lavoro, alle scadenze, agli impegni e commissioni cosa c’è?Che bello se ogn

Posted in Uncategorized by Gaudenzio Bonato
marzo 15, 2017

Se pensiamo che il lavoro del sole sia quello di riscaldare, ebbene questo è solo l’1% del suo compito, per il restante serve a illuminare, far crescere la vita sulla terra e suoi pianeti, ma soprattutto attraverso i biofotoni (emissioni di energia luminosa) il sole RIPRISTINA i danni causati da ogni tipo di inquinamento. Il sole non giova solo all’ambiente ma in maniera diretta anche alla nostra persona. I biofotoni entrano nel nostro corpo attraverso gli occhi, regolano e controllano la crescita e la rigenerazione delle cellule e di tutti i processi biochimici. Ecco che stare al sole, passeggiare in un contesto naturale, permette all’occhio di assorbire più biofotoni, che attraverso le vie nervose arrivano all’ipotalamo e raggiungono la ghiandola pineale, la quale distribuirà durante la notte energie per la riparazione. Il sole quindi ha la capacità di guarire (pensate ad esempio agli animali: quando sono ammalati o feriti si espongono al sole) sia a livello fisico che psichico. La persona depressa tende a richiudersi in casa, non desidera uscire, trova mille scuse, perché nel suo profondo “non vuole guarire”, non riesce a scegliere il bene per se stessa, quando semplicemente l’esposizione al sole potrebbe giovargli. Chi di noi in una “brutta giornata” non ha sperimentato il benessere nel farsi una passeggiata al sole? Consigliamo quindi di:

  1. gu

Posted in Uncategorized by Gaudenzio Bonato
febbraio 18, 2017

Shampoo DODO di Officina Naturae, per l’igiene di cani, gatti e animali da compagnia. Prodotto naturale ed ecologico, composto esclusivamente con materie prime di origine vegetale e principi attivi funzionali alla pulizia dei nostri amici a quattro zampe. Efficace e non pericoloso per la loro salute, privo di sostanze di origine petrolchimica, profumi, coloranti, parabeni, SLES, PEG e siliconi. Della stessa linea il balsamo e il fluido trattante contro zecche e pidocchi, ottima alternativa ai famosi antiparassitari chimici, dieci volte più efficace e senza controindicazioni.

Posted in Uncategorized by Gaudenzio Bonato
febbraio 18, 2017

Nell’intestino umano sono state scoperte più di 2000 specie batteriche con oltre 15.000 ceppi diversi, 28.000 specie virali (in grado di produrre migliaia di sostanze virali nell’arco di una settimana) e 185 specie fungine differenti. Solo nel 2016 si sono trovati altri 664 generi batterici, di cui 14 costituiscono un’impronta comune nel core genomico batterico umano che caratterizza la specie. Da qui l’importanza di scegliere un probiotico umano, questo per portare informazioni che derivano e che siano “di specie”. Il batterio umano ha un’informazione genomica propria capace di aderire alla mucosa umana; questo lo differenzia, ad esempio, da un batterio animale (mucca) abituato a vivere in un intestino che lavora a 40°-42°. Questo batterio infatti sarà solo transiente, morirà senza attecchire. Purtroppo in commercio il 70% dei probiotici non è di origine umana. In questi anni si sono conosciute sempre meglio le funzioni dei probiotici: si è localizzato il tratto intestinale (che va dalla bocca fino all’ano), dove i vari batteri lavorano in modo specifico, considerando i fattori micro ambientali differenti (temperatura, ph, ambiente di ossigeno). Per esempio si è visto che il lactobacillo fermentum a differenza degli acidophilus o ramnosus ha una grande ubiquitarietà su tutto l’apparato gastrointestinale (dalla bocca all’a

Posted in Uncategorized by Gaudenzio Bonato
febbraio 8, 2017

Homeos 6 è un rimedio omeopatico per la cura dei sintomi acuti della sindrome influenzale stagionale. Ha un’azione antisettica (contrasta lo sviluppo batterico) e antiflogistica (antinfiammatoria). Agisce su tutte le tipologie di febbre che si presentano con questi sintomi: temperatura elevata, agitazione, brividi, stanchezza, sudorazione, freddolosità, cefalea, occhi dolenti. Ha effetto anche sulla bronchite, l’otite, la faringite e allevia i dolori diffusi. Il prodotto si presenta in tubi – dose, da assumere fin dai primi sintomi dell’influenza. Gli adulti nella fase acuta possono sciogliere in acqua un tubo dose ogni due ore e assumerlo a cucchiaini (di plastica). Nei lattanti è consigliata l’assunzione di una dose durante l’arco di tutta la giornata; per i bambini (da 1 a 6 anni) due tubi dose in tutta la giornata, sopra i sei anni un tubo dose ogni 8-12 ore.

Posted in Uncategorized by Rita Salmaso
gennaio 27, 2017

L’abbiamo cercato per tanto tempo, un estratto di foglie d’ulivo che fosse davvero efficace, con un buon rapporto qualità prezzo e soprattutto ottenuto con metodi naturali. Ciò che lo differenzia da altri estratti in commercio è che i principi attivi contenuti nelle foglie vengono estratti senza l’ausilio di temperature o solventi chimici: in pratica si utilizza un processo di osmosi sotto pressione. Siamo felici che sia prodotto e distribuito da un’azienda di Cittadella: chi ci conosce sa che privilegiamo le realtà locali; ci piace sostenere l’economia del nostro territorio! Ulivis è un prodotto unico che associa le proprietà dell’ulivo (94%) a quelle di calendula (1%), aloe (4%) e betulla (1%): un mix di principi attivi (Oleuropeina, Idrossitirosolo, Tirosolo, Acido Elenolico e Rutina) con proprietà antiossidanti e depurative. Se assunto regolarmente Ulivis riduce la fatica mentale migliorando la concentrazione e la memoria; sostiene il sistema immunitario e quello circolatorio. Ha inoltre un effetto benefico abbassando il colesterolo e la glicemia. Noi lo consigliamo inoltre associato all’olio di cartamo per una profonda pulizia della cistifellea. Il caso più eclatante che vogliamo condividere con voi è quello di un’anziana signora: ha iniziato ad assumere Ulivis poche settimane prima di un intervento di amputazione dell’alluce a causa di una cancr

Posted in Uncategorized by Rita Salmaso
gennaio 27, 2017

Il kukicha è un tè speciale perché in infusione si mettono i rametti tostati, raccolti quando la pianta ha tre anni di vita. Bellissimo da vedere e buonissimo da gustare. Il kukicha è ricco di sostanze benefiche: ferro, calcio, zinco, selenio, rame, manganese, vitamine e aminoacidi. E’ digestivo, alcalinizzante, depurativo del sangue, diuretico, dimagrante, ipoglicemizzante e rimineralizzante. Può essere bevuto a tutte le ore e a tutte le età dato che non contiene caffeina e a piacere può essere dolcificato con dello sciroppo d’agave o malto d’orzo. Si prepara mettendo i rametti in acqua fredda, si porta a bollore a fuoco dolce e si fa bollire per tre minuti. Si filtra e si beve!

Posted in Uncategorized by Rita Salmaso
gennaio 18, 2017

Tempo fa ho stracotto un cavolo romanesco: l’ho messo nella pentola per la cottura a vapore e l’ho dimenticato lì. E’ diventato morbidissimo perciò ho pensato di farne una crema da spalmare nel pane. L’ho messo nel mixer assieme a uno spicchio d’aglio, olive verdi, capperi, abbondanti semi di girasole e basilico essiccato. Ho frullato tutto e aggiunto dell’olio evo. Vi assicuro che è una squisitezza! Quella volta l’ho portato da amici e, prima mi hanno presa in giro.. chi si mangia la crema di cavolo?!?, poi invece si sono contesi l’ultimo cucchiaio. E’ ottima per un antipasto o una merenda! Provare per credere!

Posted in Uncategorized by Rita Salmaso
gennaio 18, 2017

Il tè matcha è un tè davvero speciale perché alcune settimane prima della raccolta le piante vengono coperte in modo che abbiano il giusto grado d’ombra e aumentino il contenuto di clorofilla. Le pregiate e verdissime foglie di tè verde vengono poi cotte al vapore per bloccare il processo di ossidazione e poi macinate in mulini a pietra per ottenere la consistenza di una fine polvere. Questa si assume per sospensione e non per infusione, ciò significa che la polvere si ingerisce completamente! Una bomba di energia! Vediamo le proprietà e poi come si prepara. Questo tè verde contiene una grandissima quantità di antiossidanti, molti più degli altri tè verdi, capaci di proteggere i tessuti del nostro organismo dall’invecchiamento. Accelera il metabolismo e quindi favorisce la perdita di peso; grazie alla teanina riduce lo stess fisico e mentale, potenzia memoria e concentrazione. Rafforza il sistema immunitario grazie alla presenza di ferro, potassio, vitamina A e C; la clorofilla ha un potente effetto detossificante e drenante, nonché aumenta l’emopoiesi cioè alza il numero di globuli rossi. Abbassa il livello di colesterolo, migliora la sensibilità delle cellule all’azione dell’insulina e facilita l’eliminazione delle feci aiutando così la pulizia del colon. Che ne pensate? Vale la pena farsi una tazza ogni tanto? Vediamo come! Bisognerebbe avere un pa

Posted in Uncategorized by Rita Salmaso
gennaio 13, 2017

Il tè sencha è un tè coltivato in pieno sole, raccolto tra maggio e giugno ed essiccato dopo essere passato al vapore per qualche minuto. La caratteristica forma ad ago di pino è data dalla rollatura che una volta veniva fatta a mano. Ha un gusto armonioso tra l’astringente e il dolce e lascia in bocca un sentore di fresco. Si prepara facendo bollire l’acqua e lasciandola a riposo finchè non raggiunge i 70°, vanno messi nella teiera dai due ai tre grammi di foglie per persona, si versa l’acqua e si lascia in infusione per circa un minuto e mezzo. Se desiderate un gusto più astringente aumentate la temperatura dell’acqua, mentre se lo desiderate più dolce diminuite la temperatura. Le foglie possono essere riutilizzate un’ altra volta. Il tè Sencha contiene vitamine del gruppo B, C e P. Favorisce la permeabilità capillare e l’elasticità della parete dei vasi sanguigni, è un’ottima fonte di manganese, potassio e fluoro.

Posted in Uncategorized by Rita Salmaso