BOTTIGLIE PER SOLARIZZARE L’ACQUA

ottobre 26, 2016

Continuano i nostri consigli su come rendere vitale l’acqua che beviamo. Come abbiamo già spiegato in articoli precedenti, nei secoli, con la modernizzazione e l’industrializzazione, ci siamo allontanati da quelle semplici pratiche di vita che ci mantenevano in salute. Una di queste è quella di bere l’acqua direttamente dalla fonte: l’acqua che beviamo ogni giorno infatti o ristagna a lungo nei tubi dell’acquedotto o passa mesi e mesi in bottiglie di plastica, così “gelifica”, ossia perde la propria vibrazione originaria. Diventa irriconoscibile dal nostro organismo e fonte di squilibrio e disarmonia. Da dati scientifici ricevuti negli ultimi congressi ai quali abbiamo partecipato, sembra che l’acqua in forma di gel ossidi le proteine cellulari perché si presenta come aggregato di macro molecole (stato di gel) mentre in natura l’acqua che scorre si presenta in cluster esclusivamente formati da 60 molecole d’acqua (stato di sol).

Vi abbiamo già parlato di come vitalizzare l’acqua attraverso dei generatori di vortici ( noi in negozio vendiamo il Devajal) oggi invece vi illustriamo come migliorare l’acqua solarizzandola attraverso una bottiglia blu.

Non è magia! E’ fisica!

Le bottiglie blu che teniamo in negozio sono prodotte da un’azienda di Castelfranco, sono fatte in vetro alimentare arricchito di ossido di cobalto: ne risulta una carinissima bottiglia blu che, se riempita ed esposta alla luce diretta del sole, è capace di dare nuova energia all’acqua.

Si uniscono due componenti determinanti: sole e colore blu. Due fattori che influenzano positivamente non solo l’acqua ma ogni essere vivente. Il sole è la stella madre del nostro sistema solare, senza la quale la vita non sarebbe possibile nel nostro pianeta. E’ fonte potentissima di energia curativa tanto che ci sono vere e proprie terapie che prescrivono l’esposizione. I colori hanno una propria energia fisica tangibile e un effetto biologico nella chimica del cervello. Il blu in particolare eleva l’umore e calma le emozioni, inducendo rilassatezza e quiete.

Quando la bottiglia blu piena d’acqua viene esposta alla luce del sole si riscalda, all’interno della bottiglia si crea una corrente di fotoni che rompe i cluster dell’acqua, cioè i legami macromolecolari che formano il “gel”, il colore blu arricchisce di vibrazioni curative l’acqua.

Le nostre bottiglie inoltre riportano stampate le parole del mantra Opono Opono: scusa, grazie, mi dispiace, ti amo. Anche le parole, come tutto nel cosmo, sono vibrazione. Gli studi di Masaru Emoto confermano che esse influenzano in maniera determinante la struttura energetica dell’acqua.

Per solarizzare l’acqua basta riempire la bottiglia con acqua del rubinetto o di bottiglia, ed esporla alla luce diretta del sole per almeno un’ora, in mancanza di sole va esposta per tempi più lunghi. Oltre a berla si può usare per cucinare, lavare frutta e verdura, usarla per tisane e caffè, innaffiare i fiori, dar da bere agli animali, pulire la casa.

Una volta solarizzata l’acqua può essere trasferita in un altro contenitore, conservata i frigo o a temperatura ambiente.

Posted in Uncategorized by Rita Salmaso